Mantenersi snelli o togliere quei kg di troppo non solo è bello, ma è anche sano. Se non è chiaro il motivo per cui si ingrassa è bene consultare uno specialista. Nel frattempo ecco 8 alimenti che, generale, fanno ingrassare.

  1. Farine molto raffinate: Si tratta delle farine bianche, tipo “00” o “0”. Sono soffici e lievitano bene, ma apportano calorie con meno nutrienti e alzano velocemente la glicemia. Sono appaganti, ma dopo due o tre ore provocano un irresistibile vuoto allo stomaco, da “non vederci più dalla fame”. Quindi, per far fronte al calo di zuccheri, il corpo richiede altri zuccheri prontamente assimilabili, come dolci o snack salati. La richiesta continua di zuccheri e prodotti raffinati può far ingrassare. Per scardinare questo circuito è meglio optare per farine integrali o consumare tali prodotti all’interno di un pasto completo con verdure, grassi buoni e proteine.
  2. Zucchero bianco: E’molto più diffuso di quello che pensi, e si nasconde dietro tanti nomi: destrosio, sciroppo di glucosio, fruttosio, maltosio, maltodestrine, zucchero invertito, saccarosio. Non sono la stessa molecola, ma sono tutti zuccheri ad alto indice glicemico. Purtroppo si trovano in moltissimi prodotti industriali, anche non dolci, perchè rendono appetibile il prodotto. L’eccesso di zuccheri, anche inconsapevole, facilmente fa ingrassare. Essi apportano calorie senza nutrienti e, come le farine raffinate, alzano velocemente la glicemia favorendo gli attacchi di fame successivi. Un loro consumo eccessivo altera la flora batterica intestinale. Le alternative? Ci sono diversi dolcificanti naturali tra cui scegliere, ma la strada giusta è ridurre gradualmente la quantità di zucchero che usi e scegliere prodotti senza zuccheri aggiunti. Quanto zucchero mangi? (e come ridurlo facilmente)
  3. Dolcificanti: Anche se apportano pochissime o nessuna caloria, hanno comunque un impatto sulla glicemia e sul rilascio di insulina, favorendo altri attacchi di fame. Non solo, ma un loro uso continuativo può alterare la flora batterica, favorendo disturbi intestinali, infiammazione e facendo ingrassare. Possono essere usati nelle “emergenze” senza nessun problema, ma un loro consumo abituale è sconsigliato. La strada giusta è sempre quella di ridurre gradualmente la quantità di zucchero aggiunto fino ad abituarsi al sapore meno dolce.
  4. Alcool: Il vino e la birra hanno ottime proprietà, ma l’alcool in esso contenuto è molto calorico, non apporta alcun nutriente ed è sempre tossico. Viene metabolizzato dal fegato in acetaldeide, un composto tossico. Già ridurre l’apporto di bevande alcoliche, tenendole per le uscite con gli amici, può fare molto per non ingrassare. Attenzione a non sostituirli a cuor leggero con i cocktail analcolici: sono utili se si deve guidare, ma anche pieni di zuccheri.
  5. Insaccati molto grassi: se proprio non si può fare a meno degli insaccati, che comunque sarebbe opportuno ridurre, meglio optare per quelli magri o scartare il grasso dove è possibile. Non solo alcuni salumi, essendo ricchi di grassi, fanno ingrassare. Si tratta anche di grassi saturi, che sarebbe opportuno assumere in quantità limitata nella propria alimentazione per mantenere il colesterolo basso. Quindi di regola è meglio il prosciutto, crudo o cotto, la bresaola o lo speck a mortadella, salame e pancetta.
  6. Snack: se lavori in un posto dove ci sono i distributori automatici di snack, ti troverai a fronteggiare ogni giorno un esercito di biscotti, merendine, cioccolata e patatine. Quando sei stanco o nervoso o la giornata è stata particolarmente lunga, sono tutti lì in fila ad aspettarti e a tentarti. Ma ci sono tre ottimi motivi per resistere alla tentazione. Il primo è che sono ricchi di grassi di dubbia origine, anche i famigerati grassi trans, dannosi per la salute. Il secondo è che sono ricchi di zuccheri aggiunti, spesso sciroppo di glucosio e fruttosio in aggiunta ad altri zuccheri. Prova a sostituirli con frutta fresca, o frutta oleosa e/o disidratata (senza zuccheri aggiunti), oppure yogurt bianco con un cucchiaino di miele, crackers integrali (leggi prima gli ingredienti però). Allora scoprirai il terzo motivo per resistere: che in fin dei conti, il senso di benessere che danno non è poi così reale. Anzi è probabile che non ti piaceranno più.
  7. Panini elaborati: se di solito ti appoggi al bar e hai tempo solo per un panino e un caffè, scegli un panino semplice, senza salse e con un salume magro e della verdura. Tieni l’hamburger o il panino ricco per l’uscita del fine settimana, o comunque opta per questa soluzione se si tratta dell’eccezione più che della regola. Non è l’eccezione che fa ingrassare, ma l’abitudine. Tagliando le salse e i condimenti eccessivi si può già fare molto per mantenere la linea.
  8. Bevande zuccherate e tè freddi confezionati: Contengono tanti più zuccheri di quelli che sembra, apportando tante calorie. Non solo ma, oltre ad essere “calorie vuote”, non danno senso di sazietà. La conseguenza è che si tenderà a mangiare le porzioni abituali di alimenti, con un notevole surplus di zuccheri derivato dalle bevande dolci. Al bar, meglio sostituirle con una spremuta fresca di arancia.

Per ottenere una dieta personalizzata adeguata ai propri fabbisogni, è bene consultare il dietologo o il nutrizionista.

Biologa Nutrizionista di Milano
Se vuoi prenotare una visita con me controlla la disponibilità sul Calendario Prenotazioni

Recent Posts

Leave a Comment