depilazione-definitiva-laserLe tecniche di depilazione definitiva puntano a eliminare per sempre e in maniera selettiva il follicolo pilifero di modo che il pelo smetta di ricrescere.
Le sole tecniche realmente efficaci sono il laser e la luce pulsata.
Epilazione laser
Il laser è stata una delle prime tecniche venute in soccorso delle donne nella loro ardua battaglia contro gli antiestetici peli superflui. Il trattamento laser si basa su d’un processo che consiste in una vera e propria epilazione, in quanto non si limita all’eliminazione del fusto del pelo (depilazione) ma agisce sulla radice del pelo eliminando anche il bulbo
Questa tecnica sfrutta la capacità della luce di penetrare per qualche millimetro nella pelle sino a raggiungere i follicoli più profondi che dunque si scaldano al punto da danneggiarsi a scapito della capacità di generare nuovi peli.
In realtà tale tecnica non può definirsi davvero definitiva, come certa pubblicità vuol far credere e come comunemente si pensa, semmai garantisce risultati parecchio più duraturi rispetto ad altre tecniche.
Il laser, difatti, emette un fascio di luce dal potere riscaldante che scalda il pelo e il bulbo pilifero, danneggiando quest’ultimo e impedendogli di produrre nuovi peli superflui per un periodo abbastanza lungo, seppure non in maniera definitiva.
Tant’è che la FDA (l’ente governativo statunitense che si occupa di regolamentare i prodotti alimentari e farmaceutici) definisce l’epilazione laser non come un metodo definitivo ma come un metodo “progressivamente definitivo”.
Il che la dice lunga su come l’epilazione laser richieda parecchie sedute per garantire i risultati auspicati.
Il numero delle sedute necessarie, dipenderà anche dalle zone da trattare.
Se per le aree di minore estensione, quali inguine, ascelle o baffetti, si parla di 4-7 sedute, per gambe o braccia i tempi si allungano.

Anche i fattori ormonali giocano il loro ruolo. La crescita dei peli è difatti regolata dagli ormoni maschili tra cui testosterone e diidrotestosterone, presenti sia nell’uomo che nella donna, naturalmente in misura diversa.
Il testosterone stimola la crescita dei peli delle ascelle e del pube, mentre il diidrotestosterone quella dei peli della barba.
In presenza di patologie che causano una soverchia produzione di ormoni maschili si avrà pertanto una sovrabbondante presenza di peli, ovviamente eliminabili con maggior difficoltà.
C’è da dire, infine, che il laser riesce a trattare con una certa efficacia solo i peli in crescita (quelli nella cosiddetta “fase anagen”) di fatto i più visibili, e che i risultati migliori si ottengono coi peli più scuri. Ciò avviene perché il procedimento si basa sulla foto-termolisi selettiva.
Vediamo in cosa consiste.
L’energia luminosa emessa dal laser viene assorbita da un cromoforo (in tal caso la melanina presente nel pelo, il pigmento responsabile della sua colorazione scura) e solo così si trasforma in calore, surriscaldando i peli e lasciando integra la pelle circostante.
In considerazione di ciò, per i peli chiari e bianchi, le probabilità d’ottenere risultati soddisfacenti si rivelano scarse, se non addirittura nulle.

Epilazione laser: durata nel tempo

Affinché il risultato duri nel tempo, sarà necessario sottoporsi quantomeno a una o due sedute annuali di mantenimento

Epilazione laser precauzioni prima del trattamento
Nel mese antecedente il trattamento è vietato esporsi al sole o alle lampade abbronzanti), come pure è opportuno sospendere l’eventuale uso di creme abbronzanti.
Nelle settimane antecedenti il trattamento è consigliabile non effettuare depilazioni con cerette e/o pinzette, né decolorare i peli.
Nei 2 giorni antecedenti il trattamento è da evitare il peeling con creme esfolianti nonché l’utilizzo di profumi e lozioni a base alcolica.

Depilazione laser: trattamento

Una seduta di trattamento laser può durare da qualche minuto ad oltre un’ora, in rapporto all’estensione dell’area da trattare.
Il raggio di luce laser viene applicato tramite un manipolo con punta raffreddata che permette di dirigere il fascio di luce alla radice del pelo, al contempo raffreddando la pelle circostante, per ridurre al minimo l’eventuale sensazione di fastidio.
Sempre a tale scopo si potrà fare uso di una crema anestetica da applicare un paio d’ore prima del trattamento.
Al fine d’evitare il rischio di iperpigmentazione cutanea, l’esposizione al sole o ai raggi ultravioletti (lampade abbronzanti), potrà avvenire non prima di 5-6 giorni dal trattamento. Opportuno l’impiego di una crema idratante/emolliente e una protezione solare totale per le zone trattate.
Sarebbe comunque auspicabile effettuare le sedute nella stagione invernale.

Epilazione laser: effetti collaterali

Tra i pochi effetti collaterali troviamo l’eritema, cioè il rossore che può comparire dopo il trattamento e che è destinato a sparire nel giro d’alcuni giorni; le macchie, effetto dell’iperpigmentazione cutanea o del danneggiamento della melanina; le infezioni a seguito di lesioni cutanee, le vesciche, nel caso di un trattamento eseguito troppo energicamente o comunque in maniera scorretta.
Sebbene il trattamento risulti alquanto innocuo per la cute, durante la procedura sarà opportuno raffreddare la pelle circostante con un gel, uno spray o un dispositivo di refrigerazione al fine d’escludere eventuali irritazioni

Epilazione laser: controindicazioni

L’epilazione a mezzo laser trova controindicazione nei seguenti casi:
gravidanza, epilessia, assunzione di sostanze quali vitamina A, isotretinoina o farmaci fotosensibilizzanti, lesioni cutanee sospette per tumori o herpes nelle regioni da trattare, disturbi della cicatrizzazione, patologie fotosensibili.

Epilazione laser: tipologie di laser

I laser più efficaci in assoluto sono l’alessandrite ed il diodo

Laser ad alessandrite
Fra le più valide tecniche per la laser-epilazione, indicata per trattare ogni area del corpo, troviamo il laser ad alessandrite che emette un fascio di luce con lunghezza
d’onda pari a 755nm, servendosi come recettore della melanina del bulbo pilifero, la quale trasporta fino alla radice del pelo il calore, provocando così la distruzione del bulbo.
Potranno essere trattati ipertricosi/irsutismo, peli superflui e peluria di colore nero, scuro, rosso, biondo cenere, ma non i peli bianchi o molto chiari che non verranno riconosciuti.
Il risultato auspicato si potrà ottenere dopo più sedute, in genere dalle 6 alle 8, da effettuarsi ogni 4/8 settimane, oppure alla comparsa della prima ricrescita.
Il beneficio raggiunto permarrà per lungo tempo (anni), anche se potrà sempre rendersi necessaria qualche sporadica seduta di richiamo, specialmente nelle donne con presenza di peli negli arti inferiori;
In taluni casi, invece, il risultato potrà rivelarsi deludente.
In particolare in quei soggetti con disfunzioni endocrine, o sottoposti a cure cortisoniche/ormonali, o con problematiche ansioso-depressive che potranno avere la spiacevole sorpresa di veder ricomparire i peli superflui nonostante il trattamento.

Laser a diodo
Il laser a diodo è un’ apparecchiatura che utilizza come componenti attivi dei semiconduttori, i diodi, perlappunto.
La particolare lunghezza d’onda utilizzata da tale laser è ottimizzata per produrre il massimo dell’efficacia senza per questo danneggiare i tessuti circostanti.
Potente e rapido, è particolarmente indicato per l’epilazione di zone in cui i peli sono numerosi come gambe, ascelle, inguine, barba, braccia e il dorso maschile. Un ulteriore vantaggio è dato dalla possibilità d’applicazione su tutti i fototipi, anche i più scuri
Laser a diodo: trattamento, effetti collaterali, precauzioni
Da evitare assolutamente l’esposizione ai raggi solari e/o alle lampade UVA nelle settimane antecedenti il trattamento, così come l’assunzione di farmaci che incrementino la sensibilità della pelle alla luce.
La durata delle singole sedute varia da pochi minuti per le aree poco estese a 30 minuti per quelle più ampie La seduta di epilazione laser è indolore, si avvertirà solo un leggero calore.
La zona interessata verrà preventivamente rasata e detersa. Dovrà inoltre essere priva di creme, deodoranti, profumi e, in genere, di qualunque prodotto che possa interferire col trattamento.
Sulla zona verrà applicato un leggero strato di gel trasparente, dopodiché si procederà.
Il raggio laser, penetrando gli strati superiori della pelle, trasferirà al pelo la sua energia che verrà assorbita e convertita in calore dalla melanina in esso presente.
Tale calore, riscaldando il follicolo pilifero, lo danneggerà ed eliminerà.
La particolare lunghezza d’onda utilizzata dal laser a diodo è ottimizzata in modo da produrre il massimo dell’efficacia senza danneggiare i tessuti circostanti, anche in virtù del sistema di raffreddamento presente nel manipolo che, refrigerando la cute, salvaguarda l’integrità dell’epidermide.

Dopo il trattamento, per alcuni giorni, sulla superficie trattata si applicherà una pomata antibiotica

Luce pulsata
Sia il laser che la luce pulsata si basano sulla tecnica della foto-termolisi selettiva, in cui l’energia assorbita da un cromoforo (nel qual caso la melanina del pelo) si trasforma in calore, surriscaldando i peli e lasciando inalterata la pelle circostante.
La differenza fra laser e luce pulsata consiste principalmente nel fatto che, mentre il laser genera onde luminose unidirezionali e monocromatiche, la luce pulsata utilizza una sorgente luminosa ad ampio spettro.
La luce pulsata, rispetto ai trattamenti al laser, offre risultati un po’ più rapidi e presenta minori fastidi, quindi è indicata per trattamenti su qualsiasi zona del corpo, soprattutto su aree estese come gambe e braccia. Fanno eccezione il cuoio capelluto, la barba maschile e l’area in prossimità degli occhi, così come bisogna prestare attenzione alle zone genitali.
Come con l’epilazione laser, anche con l’ epilazione a Luce pulsata non si ottiene una rimozione definitiva dei peli superflui, ma una riduzione del 70% – 80% della loro ricrescita. Le sedute necessarie variano da 3 a 10 da effettuare con cadenza quindicinale o mensile. Generalmente il trattamento andrà effettuato nella fase di ricrescita quando i peli hanno raggiunto una lunghezza di circa 2- 4 mm.

Epilazione a luce pulsata: precauzioni e trattamento

Il trattamento è quasi del tutto indolore e privo di particolari effetti collaterali.
Tutt’al più la zona trattata, nelle ore successive al trattamento, potrà apparire leggermente arrossata. A scopo precauzionale, comunque auspicabile evitare il trattamento in caso di pelle abbronzata, nonché l’esposizione a raggi UV naturali o artificiali, sia tra una seduta e l’altra, che appena dopo il trattamento.
Prima del trattamento si applicherà sull’area da trattare un apposito gel che fungerà da conduttore e al contempo servirà a proteggere la pelle dall’energia emessa. Inoltre si renderà necessario indossare specifici occhialini per proteggere gli occhi dai fasci luminosi.
Ogni seduta ha una durata variabile dai 15 ai 30 minuti, a seconda della zona da trattare. Il trattamento viene effettuato utilizzando un’apparecchiatura che, tramite un apposito manipolo, emette, ad intervalli regolari, fasci di luce di forte intensità sulla zona prescelta. Tale luce penetrando nell’epidermide, andrà ad agire sulla struttura del bulbo pilifero in modo da influenzarne il funzionamento.
Consigliabile evitare d’esporsi al sole durante la settimana successiva al trattamento, e comunque utilizzare fattori di protezione alti le prime volte che ciò avverrà.
Dal momento che la luce agisce soprattutto sulla pigmentazione del pelo, anche questo trattamento assicura risultati ottimali solo se in presenza di peli scuri.
Per la precisione i migliori risultati si ottengono su individui con pelle chiara e peli scuri.

Epilazione a luce pulsata: controindicazioni
Questo tipo di trattamento è sconsigliato durante la gravidanza o se si seguono terapie a base di farmaci che contengono sostanze foto sensibilizzanti

Epilazione laser e a luce pulsata: costi
Ecco i costi medi per seduta d’epilazione laser o a luce pulsata:
Gambe e cosce da 400 a 800 € totali
Baffetti 70 €
Mento 50 €
Area compresa tra ombelico al pube 100 €
Ascelle 70 €
Inguine 100 €
Braccia 200 €
Schiena uomo da 400 a 800 €
Glutei uomo da 400 a 600 €

Siamo i collaboratori di Voletevi Belli. Sempre alla ricerca di soluzioni per aumentare il benessere e la qualità vita.

Recent Posts

Leave a Comment

luce-pulsatacriolipolisi-costi-grasso